Sostanze estremamente preoccupanti (SVHC): nuove intenzioni

| Europa
Pubblicato da: Selerant EHS

In cosa consiste l’identificazione delle sostanze SVHC?

svhc-dangerous-soubstances.jpgL'ECHA, su richiesta della Commissione europea, o uno Stato membro può proporre una sostanza da identificare come sostanza estremamente preoccupante (SVHC). Se questa proposta viene accettata, la sostanza viene aggiunta all'elenco delle sostanze candidate, ai fini della sua eventuale inclusione nell'elenco delle sostanze soggette ad autorizzazione (REACH, Allegato XIV). L'inclusione di una sostanza nell'elenco delle sostanze candidate crea obblighi giuridici per le aziende che fabbricano, importano o utilizzano queste sostanze come tali, in preparati o in articoli.

Perchè una sostanza possa venire valutata come possibile SVHC, è necessario che chi sottopone tale richiesta prepari un apposito fascicolo. A seguito della presentazione del fascicolo, viene indetta una consultazione pubblica per le parti interessate che desiderano formulare osservazioni in merito alla proposta di identificazione come SVHC.

Le intenzioni di identificazione delle SVHC sono rese note durante la fase di preparazione del fascicolo stesso. In questo modo più parti interessate possono contribuire ad un singolo fascicolo, evitando l’invio di molteplici fascicoli per la stessa sostanza.

Le sostanze oggetto delle nuove intenzioni

Nello specifico, le seguenti sostanze sono oggetto delle nuove intenzioni:

  • benzo[k]fluoranthene (EC 205-916-6; CAS 207-08-9), il cui fascicolo è stato preparato dal Belgio;
  • fluoranthene (EC 205-912-4; CAS 206-44-0, 93951-69-0) il cui fascicolo è stato preparato dal Belgio;
  • piombo (metallico) (EC 231-100-4, CAS 7439-92-1) il cui fascicolo è stato preparato dalla Svezia.

Per maggiori informazioni sulle tre sostanze oggetto delle nuove intenzioni, sull’ elenco sostanze candidate e sull’elenco delle sostanze soggette ad autorizzazione, siete pregati di visitare i link seguenti:

Newsletter 105